martedì 17 dicembre 2013

Storie della nonna, l'arrivo di Babbo Natale


Sappiamo tutti che il grande vecchio parte per tempo dal suo paese Rovaniemi, per giungere la notte di Natale, in modo diverso,  nella casa di ogni bambino. La modalità con cui arriva cambia da regione a regione.

Ora vi voglio raccontare come arriva in un casolare di campagna Marchigiano posto fra meravigliose colline e pianure.


Siamo alla vigilia di Natale; l'albero è scintillante di luci e di colori, nel presepe il fiume di carta stagnola, scorre lentamente e la neve di farina e ovatta è già caduta tutta al suolo.
Dopo una cena  tutta a base di pesce proveniente  dal vicino Mare Adriatico, si indugia a tavola; i bimbi sono agitati perché sanno che presto  arriverà Babbo Natale.
Ecco che verso mezzanotte si sentono dei rumori alla porta di casa, lasciata appositamente aperta.
Tutti gli adulti recitano minuziosamente la loro parte, spengono tutte le luci e nella penombra illuminata solo dall'albero di Natale, urlano:

"Ecco sta arrivando Babbo Natale, nascondiamoci!".

Tutti si accucciano dietro le poltrone, la mamma tiene stretti i bambini più piccoli, mentre degli scarponi  salgono rumorosamente le scale.

E' emozionante sentire come battono i cuoricini dei bimbi stretti alla mamma, mentre Babbo Natale si avvicina tranquillamente all'Albero, svuota il grande sacco pieno di doni, ripiega accuratamente il sacco e come è salito, così rumorosamente ridiscende le scale sparendo nella notte.
Si riaccendono tutte le luci si aprono i pacchi e improvvisamente appare, dopo essersi spogliato,  uno zio, o un vicino di casa soddisfatto di aver ben recitato la sua parte.

Sempre a proposito di Babbo Natale vorrei raccontarvi come il grande vecchio arriva nelle fredde e nevose valli della Lombardia..
Mentre delle Marche  può arrivare in bicicletta, in macchina, con Trenitalia e ora anche con Italo, in Lombardia gli è assolutamente necessaria la slitta trainata dalle renne.
Scende velocissimo dalle montagne innevate e nell'efficiente pianura padana trova i suoi messaggeri che l'aiutano.
Questi messaggeri sono attrezzati di trattori tutti addobbati e con il sottofondo di canti natalizi, la sera del 24 Dicembre raggiungono le case dove i bambini aspettano i doni e prima di andarsene,gli infreddoliti messaggeri, ricevono dai bimbi biscotti e dolcetti.



Nella notte poi arriva anche Babbo Natale; posteggia  la sua slitta sui tetti dove le renne trovano del fieno per rifocillarsi.
Lui scende dal camino, tenuto rigorosamente spento per quella notte, sporca   di cenere tutto il pavimento,svuota il suo sacco di doni e prima di risalire su per il camino,mangia  i biscotti e beve il latte preparato appositamente per lui.

Buon Natale a Tutti
Nonna Teresa



5 commenti:

  1. Che carine, le varie declinazioni (Trenitalia...hihihi) !

    RispondiElimina
  2. E' brava la nonna Teresa e presto ci parlerà ancora del Natale. Grazie . Ciao

    RispondiElimina
  3. nonna Teresa, non tradire le tue origini, parla del Babbo Natale brindisino !!!!
    ciao Itala

    RispondiElimina
  4. Parlare dei Natali della mia Puglia per me è molto facile in quanto anche se sono sempre vissuto a Milano le abitudini pugliesi erano giunte tutte intatte nella nostra casa milanese portate dai miei genitori.
    Babbo Natale per noi era un illustre sconosciuto, come pure l'albero di Natale.
    Si iniziava a fare il presepe intorno a Santa Lucia il 13 dicembre, mio padre aveva fatto prima il progetto e anche il disegno, e iniziando dall'ossatura man mano costruiva una piccola opera d'arte con ruscello di carta stagnola e abbondate neve di ovatta che cadeva morbida su del muschio vero, raccolto nelle campagne che circondavano la nostra casa di viale Zara a quei tempi.
    Tutto intorno al presepe c'erano dei rami di alloro ai quali si appendevano dei freschi mandarini.
    L'ultimo atto era la sera della vigilia quando tutti insieme formavamo una piccola processione e cantando "TU SCENDI DALLE STELLE" si poneva il bambino nel presepe.
    Nonna Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. adesso si che ti riconosco !!!!
      Itala

      Elimina