giovedì 21 novembre 2013

Un parto in acqua nel 1901


Teresa alla fine della sua gravidanza, decise di fare il bucato prima che nascesse il bambino.

Il rito del bucato era molto laborioso; cambio di tutti i letti, fuoco sempre acceso, con pentole di acqua calda, “quaturi” di coccio pronti tutti in fila sul terrazzo di casa, sapone marsiglia e cenere a volontà.


Teresa in questa operazione aveva sempre l’aiuto della sorella Maria e delle cognate Checca, Rosa e Mattia.

La mamma Maria Concetta purtroppo era morta dopo la nascita della prima figlia Cosima.

Ecco improvvisamente le prime avvisaglie del parto imminente e sospeso il bucato fu subito chiamata la levatrice che da esperta si rese subito conto che la puerpera era tesa e indurita per il freddo subito in terrazza.

Con l’esperienza che aveva nel suo lavoro, consigliò subito di provvedere nel modo migliore, con tutta l’acqua calda pronta per il bucato fece riempire la tinozza più grande e vi immerse Teresa.

Il bagno fu di molto aiuto e in breve tempo venne alla luce un bel bambino Luigi Leonardo Terzo.

Era il 6 Novembre 1901.

Quella brava levatrice può essere annoverata fra gli inventori del moderno “parto in acqua”

Maria Teresa

Questa è una storia vera raccontata da Nonna Maria Teresa che collabora con il nostro blog attraverso articoli, idee, ricette e rimedi per la salute.
Grazie nonna Teresa!


Nessun commento:

Posta un commento