mercoledì 13 novembre 2013

FALLEN - poesia


 

FALLEN
Guarda le stelle …
Brillano silenziose nel buio dell’immenso
risplendendo di luce propria
squarciando la monotonia dell’universo.
Tanto belle da ferire lo sguardo
e tanto piccole da poterle stringere tra le dita.
Silenti sorelle perse in un vuoto di nulla.
Molte consumano la loro esistenza immobili
prigioniere del loro corpo bruciante
osservando la vita scorrere davanti a loro.
Ma altre si ribellano,
testarde spezzano i vincoli celesti.
Si tuffano tra le pieghe dell’universo
Precipitando fra i loro fratelli pianeti
e osservando la stupefacente immensità
dell’universo.
Esse diventano stelle cadenti,
coraggiose luci pulsanti di vita
che abbandonano ogni certezza
per buttarsi in un lancio
che le porterà inevitabilmente
al mortale scontro con un altro abitante dei cieli.
Cadute al suolo
Perdono ogni luce
E infine si spengono.
Ebbene tu sii quella stella …
Spezza ogni legame
 che possa offuscare la tua luce.
Buttati a capofitto nella vita,
afferra ogni respiro con desiderio
osserva ogni cosa con curiosità
compi ogni gesto con forza.
Si vivo nel tuo cammino,
lanciati senza timore in picchiata
amando ogni secondo di vita.
Nutri il tuo cuore della bellezza del mondo.
Non rinchiuderti come la timida stella
in un angolo dell’universo.
Si coraggioso
e illumina con la tua scia tutto il creato.
Mostra la tua luce, la tua intrinseca bellezza
non vergognandoti della sua forza.
Tuffati senza timore nella vita
non morire implodendo in te stesso
ma sii una stella cadente
lascia questo mondo sapendo di aver vissuto.
Il tuffo sarà difficile
il viaggio lungo
ma tu non aver timore.
Risplendi con la tua luce,
illuminata dalla grandezza che hai dentro.
Constantine

Nessun commento:

Posta un commento