lunedì 23 settembre 2013

Per ridurre il rischio di ingrossamento della prostata

Ecco cosa bisogna mangiare per ridurre il rischio di ingrossamento della prostata


Aglio e cipolle


Urology, in un articolo riporta che mangiare 4 cipolle in una settimana riduce il rischio di ingrossamento della prostata (iperplasia prostatica benigna) di quasi il 60%, se poi abbiniamo a questo l’aglio, crudo e schiacciato, ottimo anche per il cuore, potenzieremo gli effetti benefici.

Broccoli



Andrebbero consumati crudi per non alterare il contenuto degli indoli ma anche cotti daranno il loro beneficio. La dose è di 400 grammi alla settimana è quella necessaria per evitare disturbi alla prostata.
Pomodori

Il licopene contenuto nei pomodori abbatte drasticamente i rischi di sviluppare problemi alla prostata. Meglio ancora se si usa il concentrato di pomodoro che ne contiene ancora di più. Anche il ketchup in questo caso è consigliato ma non abusatene. 
Tè verde

Berne 5 tazze al giorno come assicura l’American Journal of Epidemiology, grazie ai suoi antiossidanti (le catechine), aiuta a ridurre il rischio per la prostata del 48%.
Tonno, acciughe e merluzzo
Sono tutti pesci particolarmente ricchi di selenio. Ed è stato appurato dai ricercatori che la carenza di questo minerale rende la prostata più vulnerabile.

Alimenti da evitare

Caffé
Alcol
Cibi troppo piccanti o speziati
Coca cola e bevande gassate
cioccolato




Nessun commento:

Posta un commento