lunedì 30 settembre 2013

Bimbi e "pelosi" un'accoppiata vincente


Avete un bambino e volete ridurre il rischio che vostro figlio o figlia contragga una forma allergica o addirittura possa cadere nel tunnel dell’obesità infantile? 

Noi conosciamo chi vi può aiutare: un amico a quattro zampe!



Vi sembrerà strano ma l’essere a contatto con gli animali domestici porta i bambini ad essere a contatto con virus, batteri e allergeni facendo sviluppare un sistema immunitario più forte.

Chiaramente non siamo noi a dirlo ma un studio condotto dal Kuopio University Hospital , in Finlandia e pubblicato su Pediatrics. In questo studio si evidenzia che i neonati venuti a contatto con animali domestici abbiano un terzo di possibilità in più di non ammalarsi.

Non sarebbe bello se i vostri figli possano fare a meno degli antibiotici e possano frequentare regolarmente l’asilo nido?

L'autore dello studio, il ricercatore in pediatria Eija Bergroth spiega così questa teoria: "I nostri risultati supportano la teoria secondo la quale, durante il primo anno di vita, i contatti tra bambini e animali sono importanti, perché possono indurre una migliore resistenza alle malattie infettive respiratorie durante l'infanzia. È plausibile ipotizzare inoltre che se il cane è spesso fuori casa, si sporchi di più e, inevitabilmente rientrando, introduca nell'ambiente domestico più microbi che finiscono, in qualche modo, con lo stimolare il sistema immunitario del bambino".

Quindi meno raffreddori e meno mal d’orecchio per i nostri bimbi, inoltre l’amico quadrupede farà bene a tutta la famiglia come vi diremo in altri articoli su questo stesso blog.

Sul sito Pediatrics potete trovare tutti i dati della ricerca corredati da tabelle e grafici all’interno di un file PDF.

Non volete davvero pensarci ad adottare un nuovo amico?


Nessun commento:

Posta un commento