martedì 20 agosto 2013

Tisana alla menta

Gli spunti per decidere cosa scrivere sul blog mi vengono così inaspettatamente, magari perché ho cucinato un piatto particolarmente riuscito oppure l’ammodernamento di una borsa, di un tappeto o di altro,  è talmente ben riuscito da decidere di condividerlo.

Altre volte lo spunto possono essere delle domande o quesiti di altre persone, come in questo caso: nei giorni scorsi la mia amica Elena mi ha chiesto se sapevo fare una tisana ”buona” con la menta ed ecco il risultato delle mie ricerche.





Della menta si possono utilizzare sia le foglie fresche che quelle secche, servono circa 4 cucchiai di menta per 1 litro di acqua.

Quando l’acqua giunge ad ebollizione, versare nella teiera le foglie di menta e volendo delle altre erbe, per poi aspettare qualche minuto (5 minuti) d’infusione, una volta trascorso questo tempo è sufficiente provvedere al filtraggio del preparato con un colino e versare l’infuso nella tazza.

Per dolcificare la bevanda si può usare qualche cucchiaio di miele o del succo di limone.

Erbe che si possono associare alla menta: melissa – salvia – calendula - malva e camomilla.


Funzioni terapeutiche della menta:

agisce sullo stomaco e intestino - è un ottimo rimedio in casi di raffreddore, sinusite , tosse, mal di gola ed anche in caso di alitosi.

Diarrea, dolori mestruali e stanchezza fisica sono disturbi che possono essere alleviati grazie all'azione della menta.

L’infuso di menta è molto efficace contro le nausee da viaggio.
Bisogna cominciare la cura 3 giorni prima della partenza, bevendo 3 volte al giorno una tazza d’infuso di menta fresca.
Preparatene anche per il viaggio e conservatelo in un thermos.

Controindicazioni: un uso prolungato e dosi eccessive di tisana alla menta possono favorire stati d’insonnia per l’azione stimolante sul sistema nervoso centrale, per cui è da evitare come aromatizzante nelle tisane per insonnia.

L’uso della menta deve essere comunque evitato in età pediatrica.

Per rispondere a Elena, l’altro pomeriggio ho fatto da ”cavia” per trovare abbinamento più gradevole, alla fine sono arrivata alla conclusione che la tisana più buona è quella composta da menta e salvia (inoltre in questo modo sarebbe completamente casalinga visto la facilità di coltivare entrambe le piante)

Della salvia parleremo in un’altra occasione, mentre della menta voglio aggiungere: dopo aver bevuto 2-3 tazze nel pomeriggio, per sperimentare l’abbinamento che a mio parere è il migliore, alla sera mi sono recata a fare il turno di notte e non sono mai stata così arzilla e soprattutto sveglia: ”grazie Elena”.





A tutte le infermiere sul web, quando fate il turno di notte non bevete caffè ma tisana alla menta.


Consigli della tradizione popolare: mettete le foglie di menta fresca nelle scarpe per combattere le estremità fredde e stimolare la circolazione.


1 commento:

  1. Grazie Manu!!! Ho sia mente che salvia!! proveró questo abbinamento..e poi Giovedì ho la notte!!! ;)

    RispondiElimina